Pazzi Giochi in Piazza 1984

Pazzi Giochi in Piazza 1984

Dopo la felice esperienza del primo anno e le conseguenti attese, era obbligatorio pensare ad una seconda esperienza magari migliorata ed ampliata. Per la verità anche negli organizzatori si manifestava molto chiaramente, il desiderio se non l'impazienza di ritentare l'avventura.
Prime riunioni nel mese di Aprile presso il Circolo cacciatori di Cozzo Mare, parecchie facce note ma molte nuove a testimonianza del successo della prima edizione e del grande interesse suscitato.
Si comincia a discutere delle esperienza già fatte e delle nuove iniziative da proporre, si parla del nuovo assetto organizzativo (viene nominato presidente Bruno Tonino), si valuta l'idea di dotarsi di qualche attrezzatura propria, difficile da reperire (si acquista il palco ed un amplificatore musicale per una spesa di 1 milione circa). Si stabilisce che il periodo della manifestazione deve essere prolungato a 16 giorni, proprio per creare spazio a tutte le iniziative proposte (molte per la verità).

Nel mese di Giugno s'inizia la raccolta dei contributi popolari. Aria nuova in giro, la gente già aspetta, conosce l'iniziativa e corrisponde alle richieste, anzi stimola a continuare l'esperienza passata, ritenuta valida ed importante. Si era pensato di formare delle commissioni di lavoro con il compito di interessarsi dei vari settori e delle varie iniziative, la qualcosa, per 1a verità, non ottenne grandi risultati, dal momento che il programma e la organizzazione delle varie iniziative verranno definiti in assemblee generali o con l'impegno personale di qualcuno.

La nuova formazione...

Gervasi Lucio         Gervasi Bruno
Turano Pietro          Bruno Tonino
Bruno Ernesto        Gervasi Mario
Settino Lorenzo      Intrieri Giacomo
Rovense Franco     Marsico Mario
Intrieri Pietro           Marsico Ermanno
Marsico Dario         Morelli Silvia
La cava Celestino  Arcuri Francesca
Marsico Teresa       Pansa Francesca

Una prima grossa novità di questa edizione é l'idea di chiedere dei contributi agli enti Pubblici anche come parziale copertura delle spese di gestione. Si provvede inviando una richiesta di contributo al Comune, alla Provincia di Cosenza, alla Comunità Montana Silana.

Aspettando il giorno d'apertura Piazza Frate Umile viene addobbata a festa con bandierine variopinte, il palco viene montato in tempo record lavorando fino alle 3 di notte, dopo aver provveduto al trasporto da Cosenza ed alla verniciatura di tutti i tubi. Anche per questa edizione vengono messe a disposizione le stesse attrezzature dell'anno precedente con le relative consulenze dei vari Rosarino Pansa, Ermanno Marsico complesso Onaipiders, Ennio Bruno, ecc...
In più si può contare sull'impianto musicale del gruppo teatrale "Il Quartiere" di Cosenza grazie all'opera di Roberto Loise, componente dello stesso gruppo.
Lo spirito è sempre lo stesso, identici i principi che hanno caratterizzato già l'anno prima, uguale la linea d'intervento: programmi ed iniziative popolari e tradizionali, partecipazione attiva di tutta la gente.

La manifestazione ricalca la prima anche per lo spirito di competizione che la anima, sono previste una seri e di gare individuali e una classifica finale tra le varie squadre rionali partecipanti.
I quattro rioni che aderiscono sono i soliti:

Via Panoramica

Cozzo Mare
Via Stazione
Terratelle

La crescente attenzione e la grande attesa verso le varie competizioni impongono di preparare un rigido regolamento generale, e anche dei regolamenti per ogni singolo gioco.

VIDEO DELLA MANIFESTAZIONE

IL MANIFESTO UFFICIALE